Single Blog Title

This is a single blog caption

Il Patto dei Sindaci per incrementare la resilienza delle città

Patto dei Sindaci report 2018

Un nuovo anno si è appena avviato ed è tempo di tirare le somme e avviare nuovi progetti. Uno dei temi più attuali, visti i recenti fatti di cronaca, è quello dei cambiamenti climatici e degli effetti che provocano sugli insediamenti umani. Tra gli strumenti più diffusi e innovativi, attualmente a disposizione delle città, c’è il Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia.

Il Patto dei Sindaci: report del 2018

Il report 2018 del Patto dei Sindaci, pubblicato a fine dicembre 2018, mette in luce che sono state più di 8.800 le città ambiziose che hanno aderito all’iniziativa, includendo nel progetto quasi la metà della popolazione dell’UE. Il Patto dei Sindaci coinvolge città di ogni dimensione, ma la maggior parte (68%) sono Comuni di piccole dimensioni (con meno di 10.000 abitanti).

Sono più di 5.900 i Piani d’Azione sviluppati e contengono più di 233.000 azioni di mitigazione e di adattamento ai cambiamenti climatici.

L’obiettivo per il 2020 è quello di ridurre le emissioni di CO2 del 20%. Gli obiettivi già raggiunti sono già molto significativi:

  • riduzione del 23% delle emissioni di CO2 nel 2017
  • un quinto dei consumi finali di energia risparmiato
  • energia prodotta da fonti rinnovabili corrispondente al fabbisogno energetico di 13 milioni di famiglie

L’Italia in primo piano

Tra le 5 best practices riportate nel report 2018 del Patto dei Sindaci, la prima riguarda un Comune italiano, Monsano (An). E’ la città più piccola, con i sui 3.300 abitanti, tra quelle citate nel report. Il Comune marchigiano ha un obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 del 70% rispetto all’anno base, raggiunto con l’azione di decarbonizzazione dell’illuminazione pubblica e dell’illuminazione degli edifici pubblici, tramite il ricorso ad una ESCo. Si tratta di un progetto simile a quello che sta seguendo Weproject per due gruppi di Comuni, uno del comasco e uno nella bergamasca. Nel 2018, inoltre, il Comune di Monsano ha coperto tutti i propri fabbisogni elettrici con energia rinnovabile.

Quello di Monsano è un esempio importante che mostra che non contano le dimensioni del Comune per fare la differenza in ambito energetico.

Il servizio di Weproject

Weproject si occupa da diversi anni di supportare i Comuni nel percorso di adesione al Patto dei Sindaci e di redazione del PAESC (Piano d’Azione per l’Energia sostenibile), propedeutico alla messa in pratica di azioni concrete per la riduzione delle emissioni di CO2 e per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Nella sezione dedicata del sito è possibile trovare tutte le informazioni e vedere i Comuni con cui abbiamo collaborato per un’energia più sostenibile e per incrementare la resilienza ai cambiamenti climatici.

Weproject offre un servizio completo e calibrato sulle esigenze del Comune, con tanti plus per personalizzare l’offerta. Scopri tutto on-line sul portale FAST!

Translate »